INTERVISTA AD ARMANDO CARAVINI, PRESIDENTE DI ARCIGAY SIRACUSA

18118651_1346931502056289_817433615478865363_nDal 13 al 15 luglio si terrà il Siracusa Pride, ovvero la terza edizione del Gay Pride nel territorio.
Di Gay Pride ne abbiamo sentito parlare tanto e ovunque, ma questo è un Pride a cui tengo in modo particolare, e le ragioni sono diverse. Primo, Siracusa è la mia città natale, e fino a pochi anni fa credevo che un Pride lì sarebbe stato un sogno assurdo. Secondo, è un Pride giovane e per questo va sostenuto affinché continui a crescere. Terzo, Siracusa è una città del sud, e se alcune cose possono darsi per scontate in grandi città come Roma o Milano, lo stesso non vale per la Sicilia.
Per tutti questi motivi sono più che contento di inaugurare questa sezione con un’intervista ad Armando Caravini, presidente di Arcigay Siracusa.

Ciao Armando. Il Siracusa Pride è arrivato alla sua terza edizione. Cosa ti aspetti quest’anno di diverso dalle due edizioni precedenti?
Da questa terza edizione mi aspetto molto, in quanto puntiamo a rendere il Pride una cultura di città. Mi aspetto non solo una maggiore partecipazione, ma anche un clima solidale da parte dei cittadini. Con questo Pride, a differenza dei primi due, attraverseremo le vie principali della città. È un’ambizione che rappresenta la svolta per Siracusa, e stiamo puntando tanto per la riuscita di questa manifestazione.

Quali e quanti ostacoli hai incontrato durante l’organizzazione dell’evento?
Intoppi burocratici e problemi di organizzazione come può capire in ogni manifestazione, ma non altro perché l’amministrazione di Siracusa è sempre stata favorevole e ha sempre partecipato alle nostre iniziative, non solo il Gay Pride. Non solo abbiamo l’amministrazione dalla nostra parte, ma anche altre associazioni e i cittadini.

Il Pride nasce dai tragici eventi di Stonewall nel 1969. A oggi, secondo te, quanto è rimasto di questa coscienza storica, e come si evoluto il Gay Pride in quasi 50 anni?
Si conosce ben poco dei moti di Sonewall e della storia del Pride. Non soltanto non la conoscono i cittadini, ma soprattutto la comunità LGBTQ in quanto molte delle critiche, per esempio relative al modo di sfilare al corteo, provengono dalla comunità LGBTQ stessa, e questo è sintomo di ignoranza. Si ignora qual è la materia principale di un Gay Pride. Questo accade perché molti partecipano al corteo ma non alle tavole rotonde, ovvero nei momenti in cui si può davvero capire perché si organizza un Pride.

19417437_959024374239557_5887293008017471146_o

Credi che un giorno il Gay Pride smetterà di essere celebrato?
Non penso che smetteremo mai di organizzare o di celebrare il Pride in quanto il Pride è l’orgoglio di essere se stessi, e questo nessuno potrà mai togliercelo. È giusto manifestarlo. Magari non manifesteremo in strada per l’ottenimento di diritti che, nel tempo, sono stati ottenuti, ma manifesteremo per dimostrare di essere sempre orgogliosi della nostra natura.

In qualità di presidente di Arcigay Siracusa, quali sono i tuoi progetti per il prossimo futuro?
Voglio continuare a occuparmi di sociale sotto la bandiera dell’Arcigay e a spendermi per la mia città, per la comunità aretusea. Spero di puntare sempre alla realizzazione di me stesso sia nel campo del sociale che in quello lavorativo e umano.

C’è qualcosa che vorresti aggiungere a questa intervista? Un messaggio che vorresti mandare a chi la sta leggendo?
Vi aspettiamo tutti al Siracusa Pride dal 13 al 15 di luglio. E come dice la nostra madrina Vladimir Luxuria: credete sempre nell’uglianza!

Ringrazio Armando Caravini per averci dedicato il suo tempo, e spero che questa terza edizione del Pride possa riscuotere il successo che si merita.
Per maggiori informazioni sul programma completo del Siracusa Pride 2017 vi invito a visitare la pagina Facebook dell’evento.
Buon Pride gente!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...